Maggio notturno

Stanco d’ogni riflesso
ora sono lo specchio muto
di un’orrenda favola
di veleni

i fuochi d’artificio
dell’abbandono

Mai più una finzione
solo violenta sincerità
e prati di pesciolini a pascolare
alghe notturne sotto le barche
del porto la Vela
fra i lampioni del mare
che si gridano contro

Una penultima birra
prima del vomito l’anima
nella luce più oscura
Io sono la tua più lurida paura

In un attimo
anche in uno solo
c’è la gioia di tutta la vita

Annunci

2 pensieri su “Maggio notturno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...