Il cielo è in Friuli

Affilo parole al vento
camminando in cerchio
Sono specchio difronte a uno specchio
sono la realtà stessa livida
e tu ci stai in mezzo
Tu che sono io
tu che sei tutti gli altri
tutt’intorno

Più alberi che essere umani
più alberi che esseri umani

Un freddo che ti scalda il cuore
innaffio le primule nel lavandino
le lascio sole con tutta la notte
col mio destino in un bicchiere
di Refosco dal Peduncolo rosso

Un nuvolone nasconde la nostra speranza
che non muore
dice il ponte del Diavolo
di Cividale

Acquerugiola sull’albero della vita
di Piltrude
i fregi solari senza fine
i frutti della trinità fra i rami
così meravigliosamente pagana
dei suoi figli
cristiani o longobardi poco conta
friulani a testa alta come la Carnia
fieri nell’animo e sangue
umili come la spiritualità
della materia
delle genziane selvatiche
Il re Desiderio amava Elaria

La guerra è la morte
se la ricordano bene
ancora i muri delle case
i nascondigli fra le strade strette
Anche gli austriaci si commuovevano
a vederci morire come cani
lanciati con gli sbarrati contro il baratro
e le mitraglie
Gente dura che la paura
non la fermerà mai
partigiani di nascita
come le montagne

Più alberi che essere umani
più alberi che esseri umani

Il terremoto fa le onde
in ogni bicchiere di grappa
che accarezzi
con lo sguardo fra le dita schivo
giusto anche quando sbagli
foglie ruvide ma capaci di abbracciare
chiunque sia in difficoltà
La nostra clorofilla magica
può guarire ogni sorta di ferita
anche la sorte avversa

Siamo la verità di un popolo
ricco di stenti
che sa gioire della vita

Più alberi che essere umani
più alberi che esseri umani

Druidi delle rare faggete
prestati alle fabbriche

Le mosche prendono il sole
sulle zanzariere
le cimici sono cinesi

Abbracciati dalle montagne
che ci proteggono

Ciarlieri come le cornacchie
perché ubriachi di solitudine

Muliniamo le ali
se ne sente il suono
nel silenzio
è contento

Il Tagliamento in secca
dopo Dignano
sembra un drago d’acqua
che dorme
il re dei fiumi alpini
incatenato da un ponte
umano

Vivere è diventare un ricordo
la sgnappe meglio se furba

Annunci

12 pensieri su “Il cielo è in Friuli

  1. Ci hai messo tutto i questa poesia.
    La storia, la natura bella o devastante, i frutti di questa terra meravigliosa che ho visitato e amata nel silenzio delle montagne, c’hai messo la gente, fiera davvero e solida e legata al luogo.
    E ho visto i fiori sui balconi di legno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...